Salmo 149 – Festa degli amici di Dio

Pubblicato giorno 30 settembre 2021 - Salmi

 

Cantate al Signore un canto nuovo;

la sua lode nell’assemblea dei fedeli.

Gioisca Israele nel suo creatore,

esultino nel loro re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze,

con tamburelli e cetre gli cantino inni.

Il Signore ama il suo popolo,

incorona i poveri di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria,

facciano festa sui loro giacigli.

Le lodi di Dio sulla loro bocca

e la spada a due tagli nelle loro mani,

per compiere la vendetta fra le nazioni

e punire i popoli,

per stringere in catene i loro sovrani,

i loro nobili in ceppi di ferro,

per eseguire su di loro la sentenza già scritta.

Questo è un onore per tutti i suoi fedeli.

Commento

Il salmo si colloca probabilmente al tempo di Neemia, quando i popoli vicini minacciarono di distruzione i reduci dall’esilio con la menzogna che essi meditassero l’indipendenza da Artaserse, re Persiano (Nm 6,5). Israele si armò pronto alla difesa e, come dice il salmo, anche alla guerra di punizione: “Per compiere la vendetta fra le nazioni e punire i popoli…”(Cf. Sap 12,6). In questa guerra di punizione è assente la conquista territoriale.

“L’assemblea dei fedeli” (“qehal hasidim”) indica l’assemblea liturgica nel tempio. In essa si loda Dio e si prospetta la guerra di punizione dei nemici di Dio e del suo popolo.

I “hasidim” (i pii, i fedeli) che il salmo nomina tre volte sono in specifico i fedeli pronti alla guerra.

“I fedeli nella gloria”, sono i pii resi forti dalla potenza gloriosa di Dio. Essi “facciano festa sui loro giacigli”, cioè con entusiasmo, senza pigrizie.

La spada che i fedeli, i pii, hanno in mano è la parola di Dio, in tutta sintonia a quella del Verbo (Ap 1,16; 19,15).

L’esercito invincibile contro gli empi sarà la Chiesa, il cui capo è Cristo, il “Re dei re e Signore dei signori” (Ap 19,16). La Chiesa vincerà, con l’assistenza degli “eserciti del cielo” (Ap 19,14).

La punizione che i fedeli infliggono è quella di tenere desta la voce della coscienza negli empi, continuando ad amare anche se odiati; per questo essi sono “il tormento degli abitanti della terra” che odiano l’amore (Ap 11,10). I ceppi di ferro indicano l’impotenza dei potenti contro i fedeli in Cristo; essi possono uccidere il corpo ma non possono far nulla all’anima (Cf. Mt 10,20).

Nel giudizio finale, i fedeli sorgeranno gloriosi dalle tombe (giacigli) per giudicare con Cristo gli empi (Cf. Mt 19,28), che saranno gettati, anche con il corpo, nei ceppi infernali, preda del loro re nero, che hanno voluto scegliere e adorare.

Magnificat

L’anima mia magnifica il Signore *

e il mio spirito esulta in Dio,

mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà

della sua serva. *

D’ora in poi tutte le generazioni

mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente *

e santo é il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *

si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza

del suo braccio, *

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *

ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri,*

ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *

nei secoli dei secoli. Amen