Dal Vangelo Mt 4,18-22

Pubblicato giorno 30 novembre 2022 - In home page, Riflessioni sul Vangelo

SANT’ANDREA APOSTOLO

Si pesca insieme, coi fratelli.
Seduti a riva insieme si pazienta,
insieme si riempie il tempo dell’attesa, insieme si cresce “nel frattempo”.

Proprio nel frattempo, infatti, durante l’attesa e non alla fine, passa il Signore a chiamarti per nome.
A ricordarti quel nome che nelle nebbie del quotidiano rischia di sbiadire coperto dalle incombenze, fino a essere dimenticato.
Passa mentre coi fratelli attendi e speri – e l’attesa e la speranza danno senso al vostro tempo, profondità al vostro spazio.
Insieme si attende e insieme ci si educa alla speranza.

Nel frattempo, proprio nel frattempo, passa il Signore – senza che nemmeno tu sappia che è lui che stai aspettando – e con tutta semplicità ti chiede di calcare i suoi passi, di mettere i tuoi piedi nelle sue orme e dare finalmente un senso all’attesa: insieme andrete a pescare cuori.

Dal Vangelo secondo Matteo Mt 4,18-22

In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.